Dormire sul Futon: perché potrebbe essere un’ottima soluzione

zeno Materasso - dormire sul futon

Il Futon, ovvero il classico materasso arrotolato orientale che può essere di diversi materiali (principalmente in cotone) da adagiare sopra al tatami per riposare più comodamente, è una soluzione sempre più in voga negli ultimi tempi sia per una questione di praticità e funzionalità degli spazi dell’abitare, sia per un crescente trend del lifestyle che va incontro ai concetti di slow-living, ovvero di vita lenta.

Futon e lo spazio della casa

In chiave Zen, cioè seguendo quella filosofia che fa dell’equilibrio psico-fisico, della tranquillità mentale un punto di partenza necessario per vivere al meglio la propria vita, la casa ha un ruolo fondamentale.
Il proprio spazio deve essere confortevole, funzionale, minimal, un tempio dove rifugiarsi e ritrovare le energie perdute.
Riposare bene, anche seguendo le regole della vita lenta, è un atto primario che dobbiamo a noi stessi, è il modo per restituire energia e forza al nostro corpo.
Dormire su superfici molto basse – ovviamente adagiati su una protezione come futon e tatami – è considerato, nella cultura orientale, un ottimo modo per non affaticare i muscoli di schiena e collo ed è inoltre un modo per rinsaldare il legame, il contatto, con la terra.
Tatami e futon non hanno bisogno di camere da letto ornamentali e troppi fronzoli, giacché il riposo è un atto semplice, che richiede solo silenzio e confortevolezza.

Futon e benessere

Adagiare il futon su una rete a doghe, anziché direttamente sopra al tatami, è una via di mezzo ottimale per conservare i benefici dell’originale sistema letto orientale ma anche per l’areazione, ovvero la traspirazione del materasso: attraverso il sistema a doghe, infatti, l’aria circola, passa, mentre col tatami tradizionale ci si adagia su una superficie compatta, in cui il ricambio è più lento e complesso.
La traspirazione è una caratteristica rilevante e benefica per un riposo di qualità: una superficie ben areata permette alla pelle di respirare, ed è estremamente importante per chi soffre di allergia.

Consigli utili per un riposo Zen

Gestire gli spazi del proprio riposo, ovvero le posizioni del letto, di mobili e specchi, l’esposizione rispetto alla luce e ad eventuali fonti di rumore, sono passi fondamentali da affrontare quando si arreda, o si dà una nuova forma alla propria casa.
Allontanare i metalli dal luogo in cui si dorme, per evitare campi elettromagnetici, è altrettanto fondamentale per non bloccare energie e godere di un benessere notturno a 360°.
Tutte le fonti di inquinamento acustico e luminoso come i dispositivi digitali, cellulari, smartphone, tv, andrebbero assolutamente evitati perché creano tensioni e possibili disturbi al sonno.
Per vivere in maniera lenta occorre pensare e agire con flemma e pazienza: tutto quello che tende a “scaldarci”, a innervosirci, non è buono per la nostra salute. Bisogna invece predisporsi, anche con la pratica quotidiana della meditazione, ad affrontare serenamente le condizioni di vita che ci coinvolgono, mantenere una dieta sana, fare molto esercizio di rilassamento muscolare, tecniche di respirazione, e riappropriarsi di spazi e tempi mal gestiti, dandogli forme e contenuti diversi, per un continuo arricchimento personale.

Abbiamo un regalo per te...

Iscriviti alla nostra newsletter e ottieni uno sconto speciale e la guida con i 7 segreti per un sonno perfetto.

Iscriviti alla newsletter e ricevi un esclusivo vantaggio per il tuo primo acquisto.

Iscriviti subito Nascondi il Messaggio
0