Causa maltempo straordinario le vendite sono momentaneamente sospese.

Causa maltempo straordinario le vendite sono momentaneamente sospese.

Caldo ed insonnia portano aggressività?

Le temperature anomale, sempre più elevate, portate con sé dall’emergenza climatica che stiamo vivendo ci sottopongono costantemente a numerose riflessioni: non soltanto dobbiamo chiederci come contribuire a ridurre l’impatto ambientale, ma anche che precauzioni è necessario prendere nei confronti di una situazione davvero critica, che nell’estate 2022, quell’attuale per l’appunto, ha visto il termometro raggiungere picchi mai sfiorati, con moltissimi casi di persone anziane e soggetti fragili messi a dura prova dall’affaticamento.
Già, perché quella del caldo non è soltanto una questione di sopportazione, di tolleranza, o di fastidio… ma si tratta di una condizione invalidante che in taluni casi può anche peggiorare le cose e costringere le persone a vivere dentro casa, con il condizionatore acceso (altro grosso problema, e per l’ambiente e per il rischio “assuefazione”) o col ventilatore sempre in funzione.

Caldo e sonno: un binomio… da incubo

Considerando che il cortisolo, ovvero il cosiddetto ormone dello stress, è il “responsabile” della regolazione della temperatura corporea, la sintesi dovrebbe venirvi automatica. Si dovrebbe capire subito, in altre parole, come fra rabbia, ansia, frustrazione e temperature eccessive vi sia una correlazione molto stretta.
Più si soffre il calore e più si tende a manifestare aggressività, intolleranza, a divenire sgarbati e irascibili.
Il punto della questione, inoltre, è legato anche al sonno: infatti se a causa delle alte temperature riposiamo meno, e in maniera peggiore, l’indomani saremo chiaramente più propensi a discutere, a prendersela con tutti e per tutto… insomma, a vivere astiosamente.
Questo però non è giusto né sano, e dunque dobbiamo porvi rimedio cercando di mettere in pratica una serie di azioni, abitudini, e certe volte adottando un vero e proprio stile di vita nuovo, prendendo in considerazione il fatto che verosimilmente le temperature non scenderanno all’improvviso nei prossimi anni, ma anzi: l’obiettivo è contenere i danni e limitarli ma scordiamoci pure di tornare indietro di 100 anni in un momento.
Dunque, se quella che stiamo attraversando è una vera e propria fase climatica nuova, dobbiamo abituarci cercando di adottare uno stile di vita più sostenibile ed equo nei confronti dell’ambiente.

Eccessivo calore: consigli utili

Il condizionatore non è sempre la panacea dei mali, ma anzi spesso porta il corpo ad abituarsi eccessivamente ad una condizione di raffreddamento coatto, generando influenze e abbassamenti di voce non appena si passa da un’ambiente esterno ad uno climatizzato in maniera rapida e continua:

  • Usate abiti freschi e in tessuti naturali.
  • Allontanate gli apparecchi elettronici, soprattutto dalla zona notte, poiché generano calore.
  • Idratatevi a sufficienza durante la giornata.
  • Non assumete alcol, sostanze eccitanti come teina e caffeina in dosi elevate.
  • Abbiate un occhio di riguardo per la dieta, soprattutto nei mesi più caldi e nei pasti serali, prima di coricarsi: bisogna consumare molta frutta e verdura, rigorosamente di stagione e fresca, eliminare i cibi grassi, troppo elaborati e gli zuccheri raffinati, poiché possono rallentare il processo di digestione o essere nocivi per diabete e colesterolo.

Il corpo, come viene spesso detto, è una macchina perfetta: data la sua complessità, quando ci sono agenti esterni – come le alte temperature – che rendono particolarmente delicate le condizioni, bisogna aiutarlo a trovare o ritrovare il suo equilibrio in maniera graduale e naturale.