I Memory sono caldi in estate? Dipende dal materasso!

zenO Materasso - I Materassi Memory sono caldi?

Una delle dicerie più diffuse sui materassi memory foam è che scaldino in maniera eccessiva, rendendoli molto scomodi in estate. In realtà questa affermazione non è del tutto vera, andiamo a scoprire perché.

Comprando un materasso Memory soffrirò il caldo?

I materassi Memory Foam hanno la capacità di adattarsi alle forme del corpo, creando una sensazione avvolgente che ti culla durante la notte. Questa loro caratteristica ha dato vita, nel corso degli anni, alla convinzione che dormire su un materasso Memory significhi per forza soffrire un caldo eccessivo.
In realtà, questo problema si verifica solo in caso di memory scadenti, cioè di lastre lavorate a cellula chiusa (e quindi impossibilitate a traspirare). Nei Memory a cellula aperta (quindi traspiranti) non si hanno problemi di eccessivo calore, in quanto sono progettati per offrire un ricircolo continuo dell’aria all’interno della lastra e quindi a mantenere la corretta termoregolamentazione del corpo durante il sonno.
In più, i Memory a cellula aperta impediscono l’accumulo di polveri e muffe, oltre a mantenersi asciutti e freschi.

Un materasso di scarsa qualità può creare un caldo eccessivo e rendere impossibile il buon sonno

Cos’è il Memory foam?

Il Memory Foam è una particolare schiuma a base di poliuretano visco-elastico che ha come caratteristica principale la capacità di adattarsi al corpo, ottimizzando il peso sulla superficie.
Sdraiandoti su un materasso Memory questo si adatterà alle tue forme, riducendo i punti di pressione che possono provocare, in caso di un materasso poco performante, un sonno disturbato e dolorante.
Il Memory fu inventato nel 1966, nei laboratori “Ames Research Center” dove gli scienziati Chiharu Kubokawa e Charles A. Yost sviluppano, per conto della NASA, una schiuma sintetica di poliuretano a lento ritorno elastico per aumentare la sicurezza dei sedili dei veicoli spaziali, facendo sì che gli astronauti avessero una seduta che li proteggesse dagli urti.
Nel 1980 la Nasa rese il brevetto di pubblico dominio ma si dovrà aspettare fino al 1991 per il lancio sul mercato del primo materasso Memory.

Che tipologia di Memory usa zenO?

zenO ha 3 strati di schiuma, ognuno progettato per offrirti un corretto passaggio dell’aria, la riduzione dei punti di pressione e l’adeguato sostegno, per un maggior comfort e traspirabilità.
Il primo è lo zenO Air (4 cm), una schiuma memory ultratraspirante che fa sì che ci sia un continuo passaggio di aria nel materasso. Ha una densità di di 50 kg/m3 ed è 40 volte più traspirante delle normali schiume Memory che si trovano sul mercato.

Questo strato è quello più vicino al tuo corpo e garantisce un’altissima traspirabilità e un’adattabilità in grado di soddisfare anche i meno amanti del feel Memory.

La lastra centrale è in Memory Ultradenso (70kg/m3!) per una migliore riduzione dei punti di pressione. Questo strato è stato progettato per aumentare al massimo il comfort: grazie alla sua forte spinta regala una sensazione di galleggiamento.
L’ultimo strato è il supporto in Acty Foam (15 cm) che garantisce sostegno, traspirabilità ne durabilità nel tempo, grazie anche alle sue caratteristiche di indeformabilità. La lastra ha una densità di 35 kg/m3 ed è progettata per garantire zone di supporto differenziali e diminuire i punti di pressione di tutte le fisionomie umane, dalle persone più robuste a quelle più magre.

zenO Materasso - com'è composto

Ok, voi dite che zenO è fresco ma posso fidarmi?

Sì, zenO per le sue caratteristiche può garantirti un riposo fresco e piacevole.
Puoi anche leggere le recensioni dei nostri clienti su Trustpilot oppure, se hai ancora qualche dubbio, contattare il nostro servizio clienti. Saremo felici di rispondere a tutte le tue domande!

Trustpilot - Recensioni verificate di zenO Materasso

Iscriviti alla newsletter ricevi uno sconto esclusivo!

Iscriviti subitoNascondi il MessaggioZeno logo
Il tuo carrello
Zeno logo